Business Case con Metodologia AMALFI

Grazie alle nostre esperienze dirette, abbiamo sviluppato una metodologia di analisi che consente al cliente di avere rapidamente un Business Case per la valutazione dell’introduzione delle tecnologie AM nei processi produttivi.

AMALFI (Additive Manufacturing Assessment for Lean and Fast Introduction)

La nostra metodologia (AMALFI -  AM Assessment for Lean and Fast Introduction) è in grado di definire rapidamente il perimetro di fattibilità tecnica e la sostenibilità economica del progetto, tramite l’individuazione delle parti meccaniche attualmente in produzione per cui stampare in 3D risulta fattibile e conveniente.
Il processo di analisi, applicato ai PN attualmente in produzione, consente un confronto “As is” vs “To be” messo a punto sul cliente, sia in termini tecnici (parametri di produzione e caratteristiche tecniche dei PN), sia economici (costo unitario make or buy), valutando l’impatto dei costi dell’utilizzo della nuova tecnologia rispetto ai processi tradizionali.
Dopo una prima scrematura grossolana, il percorso di analisi arriva ad individuare i costi unitari di produzione per ciascun PN.

L’output dello studio di fattibilità è la definizione dell’impatto economico finanziario (EBIT e FOCF) dell’introduzione AM nel contesto di produzione attuale, basato sul mix produttivo delle parti per le quali risulta conveniente la conversione tecnologica e includendo il calcolo dell’investimento in impianti e infrastrutture di produzione additiva.
Seppure i maggiori benefici derivino dalla produzione di nuovi prodotti, nativamente progettati per la Stampa 3D, la valutazione dell'impatto tecnico-economico sui Part Number in produzione realizzato da AMALFI è un modo utile e pragmatico per avviare un percorso razionale e sostenibile di adozione delle tecnologie additive.
In aggiunta, il nostro team di ingegneri specializzati in redesign 3D è in grado di analizzare puntualmente i benefici, in termini di alleggerimento, derivanti dalla riprogettazione di componenti mediante l’introduzione di architetture specifiche dell’Additive Manufacturing e non riproducibili tramite tecnologie CNC (es: trabecolatura o ottimizzazione di forma).
AMALFI è in grado di recepire queste valutazioni e di convergere verso un ulteriore scenario.